Archivio mensile:luglio 2012

L’agosto di Vogue Us e Vogue Paris si chiama Marion Cotillard

Altre due copertine su Vogue, una su Vogue US (agosto) e l’altra su Vogue Paris (sempre agosto), per la mia preferita, Marion Cotillard che sta promuovendo in questo periodo il  film “De rouille et d’os” di Jacques Audiard, presentato a Cannes, del quale hanno parlato molto bene.

Una concomitanza, quella delle due copertine, molto singolare.

Vogue Paris agosto – 2012

Vogue USA Agosto 2012

Prima di queste due copertine ce ne sono state altre.

Vogue Paris – settembre 2010

Vogue USA – Luglio 2010

Vogue USA – Novembre 2009

Quando non è sulle copertine di Vogue è, se possibile, ancora meglio.

Qui con il figlio avuto dall’attore-regista Guillaume Canet (ex marito di un’altra che preferisco- ma mai come la Marion – Diane Kruger, attore di una serie di film, uno dei primi “the Beach” dov’era il ragazzo francese fidanzato con Virginie Ledoyen, e regista del film parecchio carino “Piccole bugie tra amici”). Il bambino ci ha già il fascino da vendere. Brava Marion.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Se Maometto non va alla montagna, la montagna si sente tutta sola

C’è questo film di James Ivory,  “La figlia del soldato non piange mai”, del ’98 / ’99 , che ho visto quando era uscito in video cassetta.

L’avevo affittata apposta dopo aver visto il trailer mesi prima in televisione e la feci vedere a mia sorella, più grande di me, che quella sera era tristissima. Aveva avuto una discussione terribile con il suo fidanzato dell’epoca (una di quelle storie infinite e scontate  piene di messaggi e sigarette e di regali di mesiversari, San Valentini e altri motivi minori di festeggiare chissà poi perché) ed era rimasta a casa il venerdì sera.

Io le feci vedere il filmettino e strada facendo se l’era dimenticata la tristezza e poi con il tempo è riuscita a liberarsi del ragazzo vivaddio.

Quello che fa di un film, un libro o una musica un bel film, un bel libro, una bella musica, è quella cosa che ti fa perdere per strada, dove non ti ricordi che stavi facendo prima, a cosa stavi pensando, se eri triste o eri felice.

Tu lo vedi, lo senti e se è triste ti fai triste, se è allegro diventi improvvisamente vivace e se è antico hai voglia di antico e se la protagonista è magra hai voglia di far la dieta e se ha la casa bella te la metti in ordine e non succede sempre, succede solo a volte, e non è la scoperta del secolo. E’ solo una possibilità confortante almeno quanto la Somatoline.

Contrassegnato da tag , , , , ,
Annunci