Archivi tag: Lilli Gruber

Meglio Lilli o la modella?

Lilli Gruber con giacca di Armani a Otto e Mezzo.

Ah dimenticavo, mentre indossava la giacca intervistava Gianfranco Fini, il Presidente della Camera dei Deputati.

Quello che fino a due mesi fa era il politico che ogni giornalista avrebbe voluto come ospite (lui sguinzagliava Italo Bocchino, quello della Began per intenderci).

L’intervista è stata noiosetta. Niente di nuovo. Occasione mancata o arrivo dopo lo sparo?

Poco meno di un mese fa ho comprato una giacca (pelosa) da 650 euro scontata a 79 euro (incredibile ma vero. puro culo?) e mi è successo quello che è successo a Lilli con Fini;  mi serviva prima, ora (con 16 gradi) non so che farmene.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , ,

Il mio discorso più bello e più denso esprime con il silenzio il suo senso

dice Adriano Celentano nel brano l'”Arcobaleno”.

Allora perché inviare la figlia (non si fa.I figli no!) da Chiambretti l’altra sera a difenderlo? Perché questo grande uomo (e grande lo è per davvero credo) deve farsi difendere da piccole donne?

Otto e mezzo: “Ma le aziende pubbliche quando pensano di pagare le aziende private?” chiede Lilli Gruber. La domanda numero uno da vero “tycoon” come direbbe lei. Non ha bisogno di premesse, di parentesi, di scuse, di approfondimenti e risatine ironiche ballaroiane, chiede cose (scomode) e stop.

Poi ho visto il film “Il cigno nero”. Non sono riuscita a vederlo dall’inizio e ho provato a mandare indietro con my sky, ma non ha funzionato. Forse per via della nuova “piattaforma”sky.

E’ su On Demand quindi riuscirò a vedere i 10 minuti che mi sono persa.

Non ne avevo sentito parlare benissimo. A dirla tutta è inquietante, ma dopotutto dal regista di “Requiem for a dream” mi aspettavo esattamente questo.

Quando si vede un bel film si dice spesso “bella regia”, intendendo molto sommariamente la sceneggiatura, la fotografia, il montaggio  etc. Qui io ho pensato bella regia e ho voluto dire proprio quello. Lei (Natalie Portman) l’Oscar se lo meritava eccome e non solo per la dieta.

Contrassegnato da tag , , , ,

Mamma, mamma, che cos’è l’imbarazzo?

L’imbarazzo è quello che provi quando un attore americano è ospite di un Carlo Conti qualsiasi. Conti, palesemente agitato, blatera cose inutili mentre l’attore americano è a sua volta palesemente scazzato e fa finta di divertirsi e tu spettatore  cambi canale perché sei seriamente  imbarazzato.

Altre volte invece l’intervistato si sente in imbarazzo e, tirando fuori il ragazzino di 17 anni che è in lui, inizia a dire cose di cui riguardandosi a casa si pentirà.

Otto e mezzo : intervista a Fabio Volo . Eccezionale dal minuto 7,30 in poi. Aldo Cazzullo, altro invitato della puntata, dice cose che non ci crede nemmeno lui. La Gruber guarda i due con una sorta di perversa compassione.

Contrassegnato da tag , , , ,