Archivi tag: Natalia Vodianova

Bryan Ferry, essere ricchi, essere belli, fare sesso

Qualche mese fa era uscita la pubblicità della collezione Marni for H&M, della quale avevo brevemente scritto qui.

Nel descrivere l’idea della pubblicità, Sofia Coppola aveva detto : Com’è nato il progetto? Come si è evoluto? (…) nel filmato dovevano esserci una tenda, musicisti e Bryan Ferry in smoking. Nel video ho cercato di riprodurre tutta quell’eleganza».

Per la colonna sonora ha usato Avalon, di Bryan Ferry. «Il brano mi è venuto in mente subito, e l’ho tenuto presente per tutto il tempo in cui ho scritto. Ho buttato giù una pagina, con le scene e le inquadrature, e mentre scrivevo lo ascoltavo. Avalon crea immediatamente quell’atmosfera di mondo da sogno, sofisticato, di mistero. Mentre giravamo le scene era in sottofondo».

Non so se sia riuscita realmente a fare quello che aveva in mente, questo video che usa la medesima canzone, Avalon, si.

Avalon è una canzone di Bryan Ferry. Bryan Ferry è quel cantante che sta al sesso almeno quanto il sedere di Belen sta al pataloncino sgualcito di quell’edizione dell’Isola dei Famosi.

Bryan Ferry è quello di Slave to Love. Slave to love è quella canzone di 9 settimane e mezzo che è quel film di questo e questo.

Questa canzone, questo video, queste persone stanno ai soldi almeno quanto luglio stia ai saldi di fine stagione e Mara Carfagna alle palpebre spalancate così.

Quasi sempre quelli sfondati di soldi son pure belli e anche intelligenti, son statistiche.

Quelli che son belli, intelligenti coi soldi trombano di più.

Sovente, gente di questo tipo, vive momenti belli, belli come son loro.

Il video è riuscitissimo.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Natalia Vodianova e il dono della sintesi.

Leggo su Skinny Vs. Curvy questa dichiarazione di Natalia Vodianova che è fondamentalmente la mia top model preferita di tutti i tempi (e potrebbe rimanerlo per sempre) per una serie di motivi tra cui questo qua sotto:

Natalia Vodianova

Natalia Vodianova

Dice : “C’mon guys, you know it’s better to be skinny than to be fat”  e anche  “If I eat like a pig, I am going to feel like a pig. Sometimes I have a huge, delicious five-star dinner with my grandparents with seven courses. In the morning you wake up and you feel like [bleep]. If I feel like that, okay, I am not going to be able to feel good about myself.”

Ecco una sua intervista di tre anni fa per Vogue dove si racconta.

Contrassegnato da tag , , , , ,